giovedì 26 agosto 2010

True lies


Guardo "True lies" e penso a Schwarzenegger governatore della California. Penso a quando ero bambino e pregavo mio zio di lasciarmi vedere il vhs di "Terminator" dall'inizio alla fine. Non ci sono mai riuscito, forse neanche in età adulta. Ho sempre visto il film a pezzi e mai in un'unica tirata.Penso che Schwarzenegger nel bene e nel male mi ha accompagnato da sempre. Penso che addirittura sono stato, per puro caso, nel paesino austriaco in cui è nato. Nell'estate del 1997 avevano affisso dei grandi cartelloni pubblicitari per fargli gli auguri. Controllo adesso Wikipedia e scopro che aveva appena compiuto 50 anni.
Penso a Schwarzenegger, guardo un suo film, lo penso governatore della California e mi sembra di essere finito in un romanzo di Philip K. Dick. Sicuramente nelle ultime pagine scoprirò che non esiste nessun Schwarzenegger, è un'immagine in un film, è un innesto psichico. Schwarzenegger non esiste. E forse non esiste neache la California. Esisto solo io, nella mia stanzetta, collegato a un computer che guardo un dvd e credo a tutto quello che vedo e che leggo.
Penso agli elettori che avranno messo la loro croce sul suo nome. Forse li avrà convinti con un solido programma. O forse è proprio bello pensare che il politico sui manifesti e Conan il Barbaro siano la stessa persona, che Terminator governi in un angolo di questo mondo, che insomma il personaggio e la persona si confondino e la gestione di uno stato abbia un passato da film d'azione.
Vediamo: a me piacerebbe avere Dylan Dog leader del centrosinistra alle prossime elezioni. Sono sicuro che ci vorrebbe uno come lui per sconfiggere Berlusconi, mica Bersani o Nichi Vendola.
Si, ok, ma "True lies"?
Divertentissimo.

4 commenti:

  1. Io ci vedrei bene Groucho Marx! :)

    RispondiElimina
  2. Io un po' meno. Troppo di nicchia. Lo vedo di più a capo di una lista civica alla Beppe Grillo, ma rischierebbe di non arrivare neanche allo sbarramento del 4%.

    RispondiElimina
  3. Ehehe, come darti torto... in realtà ci vedrei bene l'assistente di Dylan Dog non tanto per le sue possibilità di ottenere voti, quanto perché almeno me farei quattro risate, viste le condizioni del centrosinistra italico... (già la parola centrosinistra a me fa venire l'orticaria... :D).

    RispondiElimina
  4. Forse è già pronto il dossier segreto con la storia inedita in cui Dylan Dog rimorchia la solita cliente ma si accorge troppo tardi che è un trans.

    RispondiElimina